.
Annunci online

  Aaronn [ Cercando la via ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


GRANDE ORIENTE D'ITALIA
Davide Giacalone
hiram
Memoria Massonica
Rito di York
Fedeltà e Prudenza
Esoterismo Grafico
Camera dei deputati
TOQUEVILLE
IL LEGNO STORTO
IL JESTER
Senato della Repubblica
Blog fran.sulla massoneria
Gran Loggia regolare d'Italia
Rivista di studi massonici
Aaronn: Non son un Solone che tuona sentenze .-
CLEONICE PARISI
Gran Loggia Regolare d'Italia
ARCHITETTO ANTINORO CARMELO
Gran Loggia d'Italia
Il Quotidiano di MESSINA E PROVINCIA
MERCATI FINANZIARI ON LINE
TRA GLI SCAFFALI
Parrocchia San Giuseppe CL
Aaronn
ZENIT LIST
FRATELLI OSPEDALIERI
S.O.S. COLLEMAGGIO
La Sirena
sciamano
ARCO REALE
I Post d'informazione per la Sicilia
A.Duranti
aaronn
Intervista a Licio Gelli ( da Effetto Reale )
QUOTIDIANI ITALIANI
Eventi no profit
Clik medicina
Massoneria
Aaronn
Il ritrovo a caltanissetta e dintorni.
Almerindo Duranti
Nea Agorà News
Prometeolocri
Il Quotidiano * Libero *

cerca
letto 2103554 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


31 gennaio 2018

NOTIZIARIO DEL COMPASSO: OFFESE ALLA MASSONERIA DEL G.O.I. E REPLICA DEL GRAN MAESTRO DELL'ORDINE


Elezioni 2018 e massoneria, il gran maestro Stefano Bisi risponde a Di Maio

Massoneria, la replica del gran maestro Stefano Bisi a Luigi Di Maio: "Noi ghettizzati"

Elezioni 2018 e massoneria, il gran maestro Stefano Bisi risponde a Di Maio

ECCO LA REPLICA DEL GRAN MAESTRO DEL GRANDE ORIENTE D'ITALIA AL LEADER M5S LUIGI DI MAIO

Carissimo onorevole Luigi Di Maio,

ho sentito in tv e letto sui quotidiani le poco onorevoli e per me aberranti e antidemocratiche parole che Lei ha pronunciato l’altra sera alla trasmissione Otto e mezzo nei confronti dei massoni di cui mi onoro di far parte e dei quali rappresento da Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia ventitremila fratelli. “Chi urla odio razziale, chi usa espressioni omofobe, chi era iscritto alla Massoneria, chi nella propria vita ha portato azioni indecenti, non si può candidare col M5stelle” ha detto e poi con protervia ha aggiunto: “Abbiamo fermato anche altre candidature in cui abbiamo trovato qualche anomalia; come per esempio, di persone che erano iscritte al registro della Massoneria e quindi non potevano starci”. Mi sono chiesto innanzitutto come un politico che aspira a diventare il futuro presidente del Consiglio, e quindi a rappresentare democraticamente e senza barriere precostituite, tutti gli italiani possa usare in maniera irresponsabile e violenta, certe affermazioni gratuite e discriminare con illogica ragione delle persone che fanno parte di una Istituzione che ha avuto ed ha innegabili meriti. Una scuola di valori che, probabilmente da Lei e da tanti altri del suo Movimento viene vista e giudicata in maniera sbagliata senza averne mai realmente studiato la Tradizione, la storia e le finalità volte al Bene dell’Umanita’. Per fortuna per molti la Libera Muratoria rappresenta anche oggi - e aggiungo più che mai visti i tempi che viviamo - uno dei pilastri etici della nostra Società e della nostra Repubblica che ha contribuito a fondare. Mi permetta subito di dirle che la vera anomalia e il vero pericoloso razzismo l’ho visto nel suo estremo, immotivato e irragionevole atto di accusa nei confronti dei massoni che vuole bollare come impresentabili dimenticando certe norme scritte in modo inequivocabile nella Carta Costituzionale Repubblicana. Lei probabilmente dimentica, ma forse non sa affatto, che nell’ambito iniziatico i liberi muratori non si occupano di questioni di politica o di religione ma che nella loro vita privata hanno gli stessi suoi diritti di partecipare alla vita pubblica della nazione e di occupare ruoli istituzionali e rappresentativi. La nostra diversità è solo quella di essere tolleranti e dialoganti, di essere uomini liberi e coscienti di mantenere accesa la fiamma della Libertà, quella stessa fiamma che ha consentito anche al suo movimento di esistere oggi. Le suggerisco di leggere ogni tanto le parole dell’illuminista francese François-Marie Arouet Voltaire che nel suo Trattato sulla Tolleranza scriveva e ricordava saggiamente a tutti: “Disapprovo ciò che dici, ma difenderò sino alla morte il tuo diritto di dirlo”. L’esatto contrario del suo modo di escludere a priori noi liberi muratori. Perché si possono, e a volte è anche giusto, avere opinioni e visioni diverse, ma non è corretto proibire ad alcuno la partecipazione a qualsiasi consesso civile e democratico. Qualcuno nel suo Movimento vuole anche ghettizzare i massoni con leggi ad hoc e avalla infauste leggi fasciste che nel 1925 portarono alla persecuzione dei massoni. Sappia che noi non staremo inermi a guardare il proliferare di certi incauti e discriminatori comportamenti che non fanno e non dovrebbero mai fare parte non solo di chi si candida a ricoprire importanti ruoli istituzionali ma di chi ha a cuore la cultura della Libertà e la applica in tutte le sue forme più alte.

Stefano Bisi

Gran Maestro del Grande Oriente d'Italia

Fonte:http://www.affaritaliani.it/cronache/elezioni-2018-massoneria-il-gran-maestro-stefano-bisi-risponde-a-di-maio-522011.html

Leggo e commento:

 Si... credo, illustri lettori d'ogni censo e casta che si tratti di masso-fobia, una autentica paura angosciosa, per lo più motivata dal periodo elettorale in cui ogni ciarla di cattivo gusto potrebbe sortire effetti dal candore politico.

Che possano pensare alla nostra esistenza ed al nostro lavoro di massoni come preparatorio al paradigma di antistato? Non ci sono dati che confermano questi timori ,ma sono certo che tanto disagio, la politica comincia ad  avvertirlo quando dietro il proscenio del teatro politico, cominciano ad avvertirsi quelle diversità umane, sociologiche e culturali che ormai la politica , da tempo ha perdute per strada, ponendosi ai cittadini, come padrona di una gestione che una volta acquisita, come fanno i cani, tutto é di loro dominio.

Ormai il Popolo italiano guarda alla politica e ai politici, a dir poco ,non solo con sfiducia, ma come a soggetti  appropriatori indebiti, che non tiene più conto del volere di un Popolo che ormai é defraudato di quella libertà che prima aveva di incidere nel diagramma della propria sovranità e che oggi non possiede più.

Come ha bene risposto il Gran Maestro dell'Ordine muratorio, Stefano Bisi , che bene ha fatto nell'esternare l'atto diffamatorio del soggetto politico Di Maio che, in maniera irresponsabile e violenta, ha fatto uso di affermazioni gratuite per discriminare, con illogica ragione, avverso a dei soggetti che fanno parte di una Istituzione - la massoneria del Grande Oriente d'Italia - che ha avuto ed ha innegabili meriti ,ma che il giovane politico sconosce. Una scuola di valori che - probabilmente da Lui e da tanti altri movimenti, viene vista e giudicata in maniera distorta,senza averne mai realmente studiato la tradizione, la storia e le finalità tutte volte sempre al Bene dell’Umanità - nell'ultimo quarantennio si é guardato sempre con sospetto.

Allora io,illustri lettori d'ogni censo e casta, mi chiedo, certamente disgustato assieme ai tanti fratelli della comunione massonica,  come può un soggetto come il giovane Di Maio aspirare alla carica di Capo del Governo dell'Italia quando le sue esternazioni,vicine ormai alle consultazioni elettorali, di già offendono i cittadini perbene. Per ciò, ritengo che lui non può essere un soggetto da stare in politica e mi batterò perché la  compagine del "movimento 5 stelle" non abbia suffragi adeguati per governare.

Soggetti politici che esternano considerazioni lesive della dignità dei cittadini che hanno ideali e cultura diverse non possono essere chiamati onorevoli. La politica di oggi degenerativa non va ascoltata né considerata. Come non dovrebbe il sig. Di Maio essere né ascoltato né chiamato a rappresentare quella fascia di cittadini che lavorano, che studiano che onorano l'Italia con gli atti di solidarietà che prestano verso chi soffre.

Attraverso questa mia e univoca lagnanza ... il signor Di Maio ... deve essere consapevole che ogni Libero muratore non resterà impassibile ,a iniziare da me, a guardare al suo stupido quanto scadente comportamento diffamatorio lontano da quello manifestato da quegli antichi uomini di così alta statura che, nel tempo, hanno rappresentato i cittadini e lo Stato italiano. " Chi si candida, egregio signor Di Maio, a ricoprire importanti cariche dello Stato,deve avere un enorme rispetto di tutti i cittadini di cui non ne conosce le singole identità ,le doti umane e culturali."

Sicuramente i massoni non siamo come voi politici , i nostri guanti che indossiamo nei nostri ambiti istituzionali  sono pieni di candore ,perché puliti e netti dai vostri intrallazzi politici e di parte.

La nostra diversità è solo quella di essere tolleranti e osservanti della Costituzione italiana , di essere uomini liberi,di buoni costumi e consapevoli di mantenere accesa la fiamma della onestà e della dignità, quella stessa fiamma che ha consentito anche al suo movimento di esistere, ma che da oggi,muovo perplessità perché scossa dalle sue considerazioni.

Studi ... gentile?... Di Maio e ... parli con concretezza nelle TV.,soprattutto sii consapevolmente corretto nell'escludere, dall'elenco elettorale, quei massoni che fra l'altro - la Costituzione Italiana non discrimina... e da tempo ... calcano i vostri ambiti portando in mezzo a voi onore e dignità ineludibili.

Aaronn é

Salvatore Casales


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. cultura massonica

permalink | inviato da Aaronn il 31/1/2018 alle 11:31 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa

sfoglia     dicembre        febbraio

IL BLOG

Mi ribello all'ingiusto; Prendo le mie decisioni; assumo le mie responsabilità, difendo la mia dignità a qualsiasi costo. Sono fiero di avere questo carattere. S. Casales
Email: scasales1@tim.it

*******

Ho sempre amato la vita.Chi ama la vita non riesce mai ad adeguarsi, subire, farsi comandare. Chi ama la vita é sempre con il fucile alla fionestra per difendere la vita ... Un essere umano che si adegua, che subisce, che si fa comandare non è un essere umano. Oriana Fallaci 1979